martedì 31 gennaio 2017

Mi casa es tu casa/ L'arte della felicità

"Ma come fai ad avere voglia di metterti a fare i biscotti, adesso?"
"Davvero ti va di preparare l'impasto per la pizza, con tutte le cose che hai da fare? Non è meglio se lo compriamo?"
"Beata te, che hai tutto questo tempo per fare i dolci!"

Quante me ne sono sentita dire (ed è così sempre), solo perché passerei la mia vita in cucina a impastare, provare, sperimentare, inventare... Se penso alla parola "hygge", io penso immediatamente a questo: me che preparo cose che rendono felici le persone. Tutte. Quelle che amo, quelle che mi stanno simpatiche, quelle che non conosco e che raggiungo solo con una fetta di torta o un pezzo di focaccia coi pomodorini. 
Per me l'arte della felicità è saper star bene, dovunque e comunque, è riuscire a creare un senso di intimità e di calore in qualunque posto, perché in fondo la verità è che stiamo bene con noi stessi.
Io non so se ci riesco, con me stessa sono perennemente in guerra, a dire la verità! Ma la mia parte hygge viene fuori a darmi pace solo quando sono qui, tra farina, lievito e odore di vita che prende forma.


... E voi? Qual è il vostro luogo hygge della casa?

Ce lo raccontate, mentre ci gustiamo insieme uno di questi profumati biscottini, ricchi di confettura ai fichi e mandorle croccanti...?

BISCOTTINI AI FICHI E MANDORLE
ispirati dal blog Fornelli Profumati

 
Ingredienti

Per la pasta frolla

400 gr di farina 00
100 gr di zucchero
200 gr di burro
2 uova grandi
1 cucchiaino raso di lievito
la buccia grattugiata di un limone o di un'arancia bio
1 pizzico di sale
2 cucchiai di marsala

Per il ripieno

420 gr di fichi secchi
80 gr di mandorle 
1 l di acqua
4 cucchiai di miele
2 cucchiai di zucchero di canna
la buccia grattugiata di un'arancia
1/2 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di cannella

Preparate come prima cosa il ripieno.
Tritate grossolanamente le mandorle e mettetele in una pentola con i fichi tagliati a pezzetti piccoli, l'acqua, lo zucchero, il miele, la cannella, la buccia dell'arancia e il sale. Portate a bollore e cuocete la confettura a fiamma moderata, fino a che sarà diventata densa e morbida e i fichi si saranno quasi disfatti. A questo punto, frullate leggermente col minipimer e fate raffreddare.

Dedicatevi ora alla frolla.
Versate in un recipiente la farina con il lievito, il sale e il burro a pezzetti. Impastate fino a ottenere grosse briciole, aggiungete lo zucchero, le uova, la buccia dell'arancia e il liquore e impastate brevemente. Dovrete avere un impasto omogeneo e liscio (se dovesse risultare troppo secco, aggiungete un cucchiaio di latte o acqua). Fate riposare l'impasto in frigo per almeno 1 ora.

Stendete la frolla sul piano di lavoro spolverizzato di farina e ricavate delle strisce di circa 8 cm di larghezza. Al centro delle strisce spalmate la confettura di fichi e mandorle, spennellate i bordi con un goccio di latte e ripiegate i bordi in modo da chiudere bene il ripieno nell'impasto.
Tagliate ogni striscia in pezzi di circa 5 cm, girate con la chiusura verso il basso e posizionateli sulla teglia rivestita di carta forno.
Infornate in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti, finché saranno ben dorati.
Fate raffreddare su una gratella e conservateli in una scatola di latta.
 


9 commenti:

  1. Ma quanto ti adoro? Tu e questi biscottini qui... <3
    Giuro che provo a farli, giuro giuro giuro! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi, devi, devi! Te ne innamorerai :*

      Elimina
  2. conservateli? se li faccio a casa mia non durano 24 ore :) comunque io divento hygge quando sperimento e creo a prescindere che sia cucina o altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino, la vena creativa trova spazio ovunque!

      Elimina
  3. Bellissimi e buonissimi questi biscotti.
    Anch'io, come Elisa, sto bene in ogni angolo della mia casa, basta avere tra le mani qualcosa per creare o leggere. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è sempre stato così: basta creare, usare la fantasia e tutto diventa piacevole! credo che sia fondamentale saper stare bene a casa propria, è uno dei motivi per cui è nata la voglia di parlarne in questo blog... :)

      Elimina
    2. Grazie, Dani! Come dice Silvia, la vera felicità hygge è star bene nella propria tana :)

      Elimina
  4. Grazie per aver provato una mia ricetta, ma sopratutto grazie per avermi menzionato :) dai alla fine non sono cosi brutti, che poi quello che conta è il sapore, e sicuramente con la ttua aggiunta di mandorle lo sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sapore era buonissimo, li abbiamo adorati tutti! Sì, sono venuti molto...caserecci 😁 Grazie ancora!

      Elimina

Ciao! Il tuo parere è apprezzato, anzi, anche di più! :)